STOCCOLMA – CATANIA 06/08/2009

 

Tutto ha inizio in una torrida serata di una giornata di luglio 2008 in un garage alla periferia di Catania.

Quattro amici squattrinati, con birra al seguito, decidono di fare un bel viaggetto in moto!!!

Dove si va?

SAN PIETROBURGO!!!

Tanti gli itinerari fatti, inizialmente dovevamo fare andata e ritorno in moto passando da Kiev, ma rendendoci conto che il tempo a nostra disposizione non era molto, verso fine anno si partorisce quello definitivo ed abbiamo optato per il trasferimento delle moto a Stoccolma e da li incominciare il nostro viaggio!!

Spedite le moto cariche via terra a Stoccolma, noi le avremmo raggiunte in aereo, e  iniziato il nostro viaggio che ci avrebbe portato a Catania passando da Helsinki, San Pietroburgo, i Paesi Baltici, la Polonia, l’Austria fino in Croazia!!

Nel frattempo mi metto in cerca di sponsor per supportare l’iniziativa.

Rispondono alle nostre richieste la TUCANOURBANO, la NOLAN e la CASTROL.

Mettiamo su un blog, per dare più visibilità alla nostra bella avventura.

https://stoccolmacatania.wordpress.com

I mesi si susseguono e il gruppo da quattro  diventa prima tre per poi ritornare quattro ed infine, solo due mesi prima della partenza, si aggrega il quinto!!

Nel frattempo arrivano i caschi N-103 gentilmente offerti dalla NOLAN, l’equipaggiamento per affrontare le varie situazioni climatiche che avremmo incontrato attraversando l’Europa da nord a sud gentilmente offerto dalla TUCAOURBANO e l’olio per le moto gentilmente offerto dalla CASTROL.

Ultimati tutti i preparativi, passaporto e visto per la Russia,  l’adrenalina in vista del giorno fatale sale!

E’ arrivato il tanto atteso giorno…

SEI AGOSTO DUEMILANOVE SI PARTE!

Protagonisti di questa bella passeggiata : Melo(Carmelo), Saro (Rosario), Ture (Salvatore), Manu (Manuele), Ale (Alessandro).

Esperienza unica, indimenticabile che ha segnato ognuno di noi nel profondo!!

Sveglia alle 4 del mattino, diciamo sveglia, ma in realtà non ci siamo mai addormentati!!

Alle 15:00 siamo all’aeroporto di Stoccolma, prendiamo un taxi e ci dirigiamo al deposito della TNT, dove ci attendono le moto belle cariche  e impacchettate!!!

Inizialmente eravamo titubanti sul fatto di trasferire le moto, ma alla fine ci siamo resi conto che è stato un bel flash!!Di mattina alle 06:00 a Catania e alle 15:00 ti ritrovi dall’altra parte dell’Europa in sella alla tua moto!

Ci dirigiamo verso il porto di Stoccolma e con biglietti al seguito prendiamo la nave della Viking Line “Amorella”. Davvero emozionate l’uscita dal porto attraverso i fiordi, come altrettanto l’ingresso verso Turku (Finlandia).

Suggestivo, durante la navigazione notturna, verso le 3:00 del mattino è stato affacciarsi dalla poppa e osservare verso sud notte fonda e verso nord un sole basso che non tramontava mai!!

Si arriva a Turku, colazione e subito 160 Km destinazione Helsinki.Andiamo in cerca di un alloggio (ostello), visto che secondo lo spirito del viaggio nulla era stato prenotato!!!

Helsinki una città di un livello di civiltà altissimo, accogliente e molto trasgressiva…nella quale abbiamo trascorso una bella serata in giro per i locali del centro, forse esagerando un po’ nel bere….

L’indomani si parte in direzione San Pietroburgo, 450 Km circa con frontiera da passare!!!Arriviamo alla dogana e dopo circa 3 ore di carte e vari adempimenti burocratici (diciamo che il loro atteggiamento non è per niente accogliente), riusciamo a passare il confine, siamo in RUSSIA!

Pazzesco come una linea immaginaria separi due realtà totalmente diverse tra loro!!Siamo passati da strade perfette a strade dissestate, le stazioni di servizio e le macchine vintage, la gente stupita per le nostre targhe con la I di Italia (ma come diavolo ci sono arrivati questi qui?). Un mondo veramente molto diverso.

Alla prima stazione di servizio, nella quale con circa 9 € ho fatto il pieno e comprato 2 pacchetti di sigarette (benzina a 60 cent il litro), abbiamo avuto la fortuna di incontrare un ragazzo di San Pietroburgo con un R1200GS, il quale è stato cosi gentile da accompagnarci fino in città, segnalarci i posti di blocco, ed aiutarci a trovare un alberghetto! Senza il suo aiuto avremmo avuto qualche difficoltà, visto che tutte le scritte erano in cirillico e la polizia aspetta i turisti subito dopo la frontiera! La solidarietà tra bikers non ha confini.

A San Pietroburgo abbiamo trascorso 3 giorni; siamo stati accolti in maniera a tratti esagerata: chi voleva fare delle foto con le moto, chi ci incitava, chi ci fermava incuriosito per chiedeci da dove venivamo e dove eravamo diretti e così via. Una sera, da una limousin sono uscite una decina di modelle con fotografo a seguito per farsi fotografare assieme a noi.

Una città splendida, molto eclettica ed imperiale, direi fuori misura d’uomo, il centro per lo meno. La periferia fa paura.

Unica nota stonata la polizia, molto rigida, e soprattutto abitualmente, normalmente e costantemente corrotta!

Lasciamo San Pietroburgo in direzione Tallinn, ma prima di uscire dalla Russia, la polizia ci ha fatto un bel regalino! Mentre procedevamo su una statale a circa 90 Km/h veniamo fermati da due poliziotti, i quali, dopo averci ritirato libretti e patenti, ci contestavano eccesso di velocità visto che, essendo una zona abitata dovevamo procedere a 60 Km/h!

Non solo non c’erano cartelli (distratti noi?), ma soprattutto non si vedeva una casa per chilometri ! Insomma, eravamo in aperta campagna. Dopo circa 1 ora, abbiamo patteggiato la multa da 60€ a 35€ a testa…ovviamente senza il rilascio di nessuna ricevuta! E chiamiamola multa va!

Dopo altre due ore di trafile burocratiche e timbri in dogana, si ritorna in suolo europeo, che sospiro di sollievo! Si arriva a Tallinn in tarda serata, dove alloggiamo in uno ostello graziosissimo, dopo, una bella birra distensiva!

La città è un borgo medioevale incantevole, per noi il più bello delle città baltiche, con castello, osterie e tanti vivissimi Bar. Si consiglia di mangiare lo stinco di porco intero e cotto nel forno a pietra.

L’indomani si riparte alla volta di Riga. La tappa più corta del viaggio ma la più pesante, visto che abbiamo percorso quasi 300 Km sotto un diluvio universale!!

Arriviamo a Riga, totalmente devastati, distrutti e presi di freddo! Nessuno per strada a cui chiedere informazioni per un ostello; eccola, solo una vecchietta che non parla l’inglese. Non ci può dare aiuto. Un’altra passeggiatina sotto la dolce pioggia e ci accomodiamo nel  primo ostello che troviamo…..un posto gestito da uno “scoppiatone“ di Seattle, fissato coi Cowboy coffee e che girava per le strade del centro a piedi nudi, ripetendo versi sconnessi sui cow boy. Anche questa volta giro notturno della città, Grill e birra. 

Sveglia presto, colazione, pioggia e si parte alla volta di Vilinius, con sosta lungo il tragitto a Šiauliai dove abbiamo visitato la “Collina delle Croci”, simbolo della resistenza Lituana all’impero Russo,  migliaia e migliaia di croci accatastate li da altrettanti fedeli, un posto veramente suggestivo!!

Si arriva a Vilinius, dopo aver percorso ancora un bel po’ di chilometri sotto l’acqua e si va in ostello (questo per lo meno era carino).

Stiamo 2 giorni, visitando il centro geografico d’Europa, l’Europa Parkas d’arte contemporanea e il lago di Trakai. Quest’ultimo un posto veramente incantevole, dove abbiamo anche incontrato cinque crocerossine poco caste festeggiando un addio al nubilato, con le quali ci siamo fatti 4 risate. Ferragosto trascorso nei bar di Vilinius con una temperatura esterna di 10°C.

Siamo già al 16 di Agosto e proseguiamo verso la Polonia, posto del quale non ci avevano parlato benissimo, per via delle strade e dei banditi.

Arriviamo ad Elk, paesino nella zona dei mille laghi. Ad accoglierci, decine e decine di mongolfiere!!! Ovviamente era una manifestazione e a causa di ciò non c’era un posto per dormire in tutto il paese e dintorni.

Quindi si prosegue fino a quando fa buio fondo, ed ecco che troviamo, in un paesino chiamato Grajewo, una pensioncina a gestione familiare, nella quale abbiamo trascorso una serata indimenticabile con gente del posto, a base di birra,vodka, aringa affumicata, salsiccia secca, canzoni italiane e polacche.

L’indomani, ancora con i postumi della serata, si parte alla volta di Cracovia!

Quasi 600Km, veramente pesanti, sempre di strada statale. Qui avevamo già prenotato un appartamento graziosissimo in centro (unica prenotazione del viaggio)!

Stiamo 2 giorni e visitiamo Auschwitz e Birkenau, posti che lasciano senza fiato!

Visitiamo pure la miniera di sale di Wieliczka, davvero impressionante!

Cracovia e la Polonia ci lasciano un impressione davvero molto positiva, sia come posti e paesaggi, ma soprattutto la gente che ci vive!!

Da Cracovia si parte per l’impero…..si va a Vienna!!

Finalmente abbandoniamo le statali e per la prima volta, dopo 4000km, in Slovakia incominciano le autostrade, monotone per certi versi, ma più veloci da percorrere.

I paesaggi montani slovaki sono mozzafiato: laghi, fiumi e castelli. Trascorriamo due giorni di totale relax a Vienna, fatti di passeggiate in moto per la città e shopping dal mitico outlet per bikers: Luis.

Si parte per la Croazia, destinazione isola di Pag. Dalle montagne, al vespro, una vista spettacolare… finalmente mare.

Pag è un’ isola con una aspetto particolarissimo, si passava dal verde ai paesaggi lunari. Troviamo sistemazione in una casa privata immersa nella natura con discesa a mare, da due anziani troppo accoglienti Veronica e Ivan. Veronica ci accoglieva a qualsiasi ora con la sua grappa fatta in casa; ripeto mattina, pomeriggio o sera, a qualsiasi ora cicchetto di grappa …posto da favola.

Dopo due giorni di pesca, mangiate di frutti di mare,sole e mare, partiamo per Zadar dove ci aspettava la nave per Ancona. Ahimè nave troppo piena e siamo costretti ad andare a Split. E’ stato un bene perché è una città particolarissima, sviluppatesi all’interno del palazzo dell’Imperatore romano Diocleziano. Qui trascorriamo la notte in spiaggia, non in tenda, ma in riva al mare su dei lettini…bellissimo!

L’indomani traghetto per l’Italia (Ancona), dove arriviamo alle 19.

Decidiamo di scendere in notturna sino a Catania, senza sosta, ma nelle Calabrie, alle 6 del mattino, Salvatore dormiva sulla moto, Melo clacsona e grida per tenerlo sveglio. Decidiamo di fermarci. Dopo quasi 6000 Km percorsi insiemi, decidiamo di dividerci….solo per un fattore di impegni lavorativi personali.

Salvatore, Manuele e Saro si fermano a dormire un paio d’ore, mentre Melo e Ale proseguono per Catania!!

Siamo a Catania il 25/08/2009!!

Che dire di questo viaggio!!

Abbiamo attraversato l’Europa da nord a sud, posti incantevoli, paesaggi meravigliosi e molto diversi fra loro. Dai fiordi Finlandesi allo splendido mare della Croazia, passando dall’ecletticismo russo, alle pianure dei Paesi Baltici e alle  incantevoli montagne Slovacche ed Austriache.

Città, paesini, montagne, fiumi e laghi scorrevano veloci sui nostri specchietti retrovisori. Ogni tanto un’occhiata al compagno che viaggiava di seguito per vedere se tutto andava bene…. Tutto è andato bene, nessuno si è fatto male e nessuno ha forato la gomma o fuso il motore.

Abbiamo incontrato e conosciuto tantissima e bellissima gente! Questo ci ha arricchito tantissimo. Questa è l’essenza del viaggio.

Concludo come ho iniziato.

ESPERIENZA INDIMENTICABILE CHE HA SEGNATO PER SEMPRE OGNUNO DI NOI!!!

I Catanesi

Salvatore Fiorenza – Carmelo Cantone – Manuele Manente – Rosario Rapisarda – Alessandro Campisi

Annunci

Tante Emozioni….tanta fatica….tanti viaggi in uno!!!!!

GruppoNAVE

Siamo rientrati lunedi 24/08, dopo 19 giorni e 5800 km percorsi…in condizioni atmosferiche molto diverse tra loro.

Esperienza indimenticabile, che ha lasciato un segno in ognuno di noi!!

Raccontarla, trasformarla in parole non sarà molto semplice ma ci proveremo!!!!

Desideravamo ringraziare tutti gli SPONSOR che ci hanno aiutato:

TUCANOURBANO

NOLAN

CASTROL

NERO GOMME DI MOTTA S’ANTANASTASIA

A presto le foto e un sunto dei giorni di viaggio!!

ALLA PROSSIMA AVVENTURA!!!!

PARTITI !!!!

Inizia il viaggio !!!!

A pagina 6 un articolo di presentazione !!!!

www.leditoriale.it/pdf/leditorialeluglioagosto09.pdf

– 1 e via….ma già qualcuno è in viaggio!!!

La vita è un viaggio…chi viaggia vive due volte.

Logo

fotocittà

5  Piloti per 5 Moto percorreranno 5000 km, partendo da Stoccolma con destinazione Catania, Sicilia. 

UNDICI Stati saranno attraversati in sella di due Street Bob Harley Davidson, un GS BMW, una Breva750 Moto Guzzi ed una Honda Varadero.

Le tappe principali sono,o meglio dire, dovrebbero essere: Turku, Helsinki, San Pietroburgo, Tallinn, Riga Vilnius, Elk, Varsavia, Cracovia, Bratislava, Vienna, Zagabria, Zadar.

Il progetto si propone di realizzare una spedizione culturale che unisca il nord con il sud dell’Europa, alla scoperta delle affinità e delle sfumature culturali che rendono l’Europa unita, sia culturalmente che politicamente. Sulla scia dei nostri predecessori, quali le spedizioni sponsorizzate dall’UNESCO di Overland, dal sud al nord del mondo e da est a ovest del globo, per la promozione dei Diritti Umani, l’obiettivo della spedizione è quello di promuovere il patrimonio storico, naturalistico e culturale delle genti e dei luoghi della Provincia di Catania, attraverso 11 Paesi : Svezia, Finlandia, Russia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia, Austria, Slovenia, Croazia.

Nulla è certo, nulla è prenotato, tranne la voglia di viaggiare, scoprire e stare a contatto con la gente comune. 

SI PARTE IL 6 AGOSTO 2009.

Durata: 19 giorni.

Work in progress…

 

CircuitoLinks.com - Il network di scambio links italiano.